Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Ematologia.net
OncologiaMedica.net
Neurologia

Craniectomia decompressiva per ipertensione intracranica traumatica


L'effetto della craniectomia decompressiva sugli esiti clinici nei pazienti con ipertensione intracranica traumatica refrattaria rimane non ben definito.

Dal 2004 al 2014 sono stati assegnati in modo casuale 408 pazienti, da 10 a 65 anni di età, con lesioni cerebrali traumatiche e pressione intracranica elevata refrattaria ( superiore a 25 mm Hg ) a subire craniectomia decompressiva o a ricevere le cure mediche in corso.

L'esito primario era il punteggio alla scala GOS-E ( Extended Glasgow Outcome Scale; scala di 8 punti, dalla morte a guarigione più che buona, senza problemi legati al danno ) a 6 mesi.

La distribuzione GOS-E differiva tra i due gruppi ( P inferiore a 0.001 ).
L’ipotesi originale è stata respinta, e quindi i risultati sono riportati in modo descrittivo.

A 6 mesi, le distribuzioni GOS-E sono state le seguenti: morte, 26.9% tra i 201 pazienti del gruppo chirurgia rispetto a 48.9% tra i 188 pazienti del gruppo medico; stato vegetativo, 8.5% vs 2.1%; minore disabilità grave ( dipendente dagli altri per la cura ), 21.9% vs 14.4%; superiore disabilità grave ( indipendente a casa ), 15.4% vs 8.0%; disabilità moderata, 23.4% vs 19.7%; recupero buono, 4.0% vs 6.9%.

A 12 mesi, le distribuzioni GOS-E sono state le seguenti: morte, 30.4% tra i 194 pazienti chirurgici rispetto a 52.0% tra i 179 pazienti medici; stato vegetativo, 6.2% vs 1.7%; minore disabilità grave, 18.0% vs 14.0%; superiore disabilità grave, 13.4% vs 3.9%; disabilità moderata, 22.2% vs 20.1%; recupero buono, 9.8% vs 8.4%.

I pazienti chirurgici hanno presentato un minor numero di ore con pressione intracranica superiore ai 25 mm Hg rispetto ai pazienti medici dopo la randomizzazione ( mediana, 5.0 vs 17.0 ore; P minore di 0.001 ), ma hanno avuto un più alto tasso di eventi avversi ( 16.3% vs 9.2%, P=0.03 ).

In conclusione, a 6 mesi, la craniectomia decompressiva nei pazienti con lesioni cerebrali traumatiche e ipertensione endocranica refrattaria ha provocato una minore mortalità e più alti tassi di stato vegetativo, minore disabilità grave e superiore disabilità grave rispetto alle cure mediche.
I tassi di disabilità moderata e recupero buono sono risultati simili nei due gruppi. ( Xagena2016 )

Hutchinson PJ et al, N Engl J Med 2016; 375: 1119-1130

Cardio2016 Neuro2016 Chiru2016



Indietro