Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoGinecologia.net
OncologiaMedica.net
Reumatologia

Ictus ischemico acuto: effetto della trombolisi iniziata in ambulanza sul tempo alla trombolisi


Il tempo alla trombolisi è cruciale per l'esito dell’ictus ischemico acuto.
L’obiettivo di uno studio è stato quello di determinare se iniziare la trombolisi in un’ambulanza specializzata possa ridurre i ritardi.

Nello studio PHANTOM-S ( Prehospital Acute Neurological Treatment and Optimization of Medical care in Stroke ), condotto a Berlino ( Germania ), sono state assegnate in modo casuale le settimane con e senza la disponibilità del veicolo STroke Emergency MObile ( STEMO ) nel periodo 2011-2013.

Berlino ha un’infrastruttura per la cura dell’ictus con 14 unità specializzate.

Sono stati inclusi 6.182 pazienti adulti ( settimane STEMO: 44.3% di sesso maschile, età media 73.9 anni; settimane di controllo: 45.2% di sesso maschile, età media 74.3 anni ) per i quali era stato attivato un protocollo per l’ictus.

L'intervento comprendeva un'ambulanza ( STEMO ) dotata di scanner per la tomografia computerizzata, laboratorio, e collegamento per la telemedicina; un algoritmo di identificazione dell’ictus; e una squadra preospedaliera per l’ictus.

La trombolisi è stata avviata prima del trasporto in ospedale qualora l’ictus ischemico fosse stato confermato ed escluse le controindicazioni.

Le misure di esito primario erano il tempo dal momento di allarme alla trombolisi.
Gli esiti secondari includevano il tasso di trombolisi, l’emorragia intracerebrale secondaria dopo trombolisi e la mortalità a 7 giorni.

La riduzione dei tempi è stata valutata in tutti i pazienti con una segnalazione per ictus da tutto il bacino di utenza nelle settimane con STEMO ( 3.213 pazienti ) vs settimane di controllo ( 2.969 pazienti ) e nei pazienti in cui STEMO era disponibile e utilizzato ( 1.804 pazienti ) vs settimane di controllo ( 2.969 pazienti ).

Rispetto alla trombolisi durante le settimane di controllo, c'è stata una riduzione di 15 minuti nei tempi dal momento di allarme alla trombolisi nell’area di utenza durante le settimane con STEMO ( 76.3 minuti vs 61.4 minuti; P minore di 0.001 ).

Tra i pazienti per i quali è stato utilizzato STEMO, il tempo medio dal momento di allarme al trattamento ( 51.8 minuti ) è stato più breve di 25 minuti ( P minore di 0.001 ) rispetto alle settimane di controllo.

I tassi di trombolisi nell'ictus ischemico sono stati 29% ( 310/1.070 ) durante le settimane con STEMO e 33% ( 200/614 ) dopo l’impiego di STEMO vs 21% ( 220/1.041 ) durante le settimane di controllo ( differenze, 8%, P minore di 0.001, e 12%, P minore di 0.001, rispettivamente ).

L’impiego di STEMO non ha comportato alcun aumento del rischio di emorragia intracerebrale ( impiego di STEMO: 7/200; cure convenzionali: 22/323; odds ratio aggiustato, aOR=0.42; P=0.06 ) o nella mortalità a 7 giorni ( 9/199 vs 15/323; aOR=0.76; P=0.53 ).

In conclusione, rispetto alle cure abituali, l'utilizzo della trombolisi iniziata in ambulanza ha portato alla diminuzione del tempo al trattamento senza un aumento degli eventi avversi.
Sono necessari ulteriori studi per valutare gli effetti sugli esiti clinici. ( Xagena2014 )

Ebinger M et al, JAMA 2014; 311: 1622-1631

Neuro2014 Med2014 Farma2014


Indietro