OncoGinecologia.net
Gastroenterologia.net
Neurologia

Ipotermia per l’ipertensione intracranica dopo trauma cranico


Nei pazienti con lesioni cerebrali traumatiche, l’ipotermia può ridurre l'ipertensione intracranica.
Il vantaggio dell’ipotermia sul risultato funzionale non è ben definito.

Sono stati randomizzati adulti con una pressione intracranica superiore a 20 mmHg nonostante i trattamenti di fase 1 ( tra cui ventilazione meccanica e gestione della sedazione ) a cure standard ( gruppo di controllo ) o ipotermia ( 32-35 °C ) più terapia standard.

Nel gruppo di controllo, i trattamenti di fase 2 ( ad esempio, osmoterapia ) sono stati aggiunti quando necessari per controllare la pressione intracranica.

Nel gruppo ipotermia, i trattamenti di fase 2 sono stati aggiunti solo se l’ipotermia non era riuscita a controllare la pressione intracranica.

In entrambi i gruppi, i trattamenti di fase 3 ( barbiturici e craniectomia decompressiva ) sono stati utilizzati se tutti i trattamenti di fase 2 non erano riusciti a controllare la pressione intracranica.

L'esito primario era rappresentato dal punteggio alla scala GOS-E ( Extended Glasgow Outcome Scale ); range da 1 a 8, con punteggi più bassi che indicano un esito funzionale peggiore ) a 6 mesi.

L'effetto del trattamento è stato espresso come odds ratio comune ( con un odds ratio minore di 1.0 a favore della ipotermia ).

Sono stati arruolati 387 pazienti in 47 Centri in 18 Paesi dal 2009 al 2014, momento in cui il reclutamento è stato sospeso a causa di problemi di sicurezza.

I trattamenti di fase 3 sono stati necessari per controllare la pressione intracranica nel 54% dei pazienti nel gruppo controllo e nel 44% dei pazienti nel gruppo ipotermia.

L'odds ratio comune aggiustato per il punteggio GOS-E è stato 1.53 ( P=0.04 ), che indica un risultato peggiore nel gruppo di ipotermia rispetto al gruppo di controllo.

Un esito favorevole ( punteggio GOS-E di 5-8, che indica disabilità moderata o buon recupero ) si è verificato nel 26% dei pazienti nel gruppo ipotermia e nel 37% dei pazienti nel gruppo controllo ( P=0.03 ).

In conclusione, nei pazienti con una pressione intracranica superiore a 20 mm Hg dopo trauma cranico, l'ipotermia terapeutica più le cure standard per ridurre la pressione intracranica non ha prodotto risultati migliori rispetto ai pazienti trattati con la sola terapia standard. ( Xagena2015 )

Andrews PJD et al, N Engl J Med 2015; 373: 2403-2412

Neuro2015 Med2015



Indietro