Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
Reumatologia
Neurologia
OncologiaMedica.net

Ipotermia per l’ipertensione intracranica dopo trauma cranico


Nei pazienti con lesioni cerebrali traumatiche, l’ipotermia può ridurre l'ipertensione intracranica.
Il vantaggio dell’ipotermia sul risultato funzionale non è ben definito.

Sono stati randomizzati adulti con una pressione intracranica superiore a 20 mmHg nonostante i trattamenti di fase 1 ( tra cui ventilazione meccanica e gestione della sedazione ) a cure standard ( gruppo di controllo ) o ipotermia ( 32-35 °C ) più terapia standard.

Nel gruppo di controllo, i trattamenti di fase 2 ( ad esempio, osmoterapia ) sono stati aggiunti quando necessari per controllare la pressione intracranica.

Nel gruppo ipotermia, i trattamenti di fase 2 sono stati aggiunti solo se l’ipotermia non era riuscita a controllare la pressione intracranica.

In entrambi i gruppi, i trattamenti di fase 3 ( barbiturici e craniectomia decompressiva ) sono stati utilizzati se tutti i trattamenti di fase 2 non erano riusciti a controllare la pressione intracranica.

L'esito primario era rappresentato dal punteggio alla scala GOS-E ( Extended Glasgow Outcome Scale ); range da 1 a 8, con punteggi più bassi che indicano un esito funzionale peggiore ) a 6 mesi.

L'effetto del trattamento è stato espresso come odds ratio comune ( con un odds ratio minore di 1.0 a favore della ipotermia ).

Sono stati arruolati 387 pazienti in 47 Centri in 18 Paesi dal 2009 al 2014, momento in cui il reclutamento è stato sospeso a causa di problemi di sicurezza.

I trattamenti di fase 3 sono stati necessari per controllare la pressione intracranica nel 54% dei pazienti nel gruppo controllo e nel 44% dei pazienti nel gruppo ipotermia.

L'odds ratio comune aggiustato per il punteggio GOS-E è stato 1.53 ( P=0.04 ), che indica un risultato peggiore nel gruppo di ipotermia rispetto al gruppo di controllo.

Un esito favorevole ( punteggio GOS-E di 5-8, che indica disabilità moderata o buon recupero ) si è verificato nel 26% dei pazienti nel gruppo ipotermia e nel 37% dei pazienti nel gruppo controllo ( P=0.03 ).

In conclusione, nei pazienti con una pressione intracranica superiore a 20 mm Hg dopo trauma cranico, l'ipotermia terapeutica più le cure standard per ridurre la pressione intracranica non ha prodotto risultati migliori rispetto ai pazienti trattati con la sola terapia standard. ( Xagena2015 )

Andrews PJD et al, N Engl J Med 2015; 373: 2403-2412

Neuro2015 Med2015



Indietro