Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncologiaMedica.net
Neurologia
Reumatologia

Ipotermia terapeutica dopo arresto cardiaco in ospedale nei bambini


La gestione mirata della temperatura è raccomandata per gli adulti in stato comatoso e i bambini dopo arresto cardiaco extraospedaliero; tuttavia, i dati sulla gestione della temperatura dopo l'arresto cardiaco in ospedale sono limitati.

In uno studio condotto presso 37 ospedali pediatrici, sono stati confrontati due interventi sulla temperatura nei bambini che avevano avuto arresto cardiaco in ospedale.
Entro 6 ore dopo il ritorno della circolazione, i bambini in stato comatoso di età superiore a 48 ore e di età inferiore a 18 anni sono stati assegnati in modo casuale a ipotermia terapeutica ( temperatura target, 33.0 °C ) o a normotermia terapeutica ( temperatura target, 36.8 °C ).

L'esito primario di efficacia, la sopravvivenza a 12 mesi dopo l'arresto cardiaco con un punteggio di 70 o superiore alle Vineland Adaptive Behavior Scales, seconda edizione ( VABS-II, in cui i punteggi variano da 20 a 160, con punteggi più alti che indicano migliore funzione ), è stato valutato tra i pazienti che avevano avuto un punteggio VABS-II di almeno 70 prima dell'arresto cardiaco.

Lo studio è stato terminato a causa di futilità, dopo che 329 pazienti erano stati sottoposti a randomizzazione.
Tra i 257 pazienti che avevano un punteggio VABS-II di almeno 70 prima dell’arresto cardiaco e che potevano essere valutati, il tasso di esito di efficacia primario non differiva significativamente tra il gruppo ipotermia e il gruppo normotermia ( 36%, 48 su 133 pazienti, e 39%, 48 su 124 pazienti, rispettivamente; rischio relativo, 0.92; P=0.63 ).

Tra i 317 pazienti che potevano essere valutati per il cambiamento nella funzione neurocomportamentale, il cambiamento del punteggio VABS-II dal basale a 12 mesi non ha mostrato differenze significative tra i due gruppi ( P=0.70 ).

Tra i 327 pazienti che potevano essere valutati per la sopravvivenza a 1 anno, il tasso di sopravvivenza a 1 anno non differiva significativamente tra il gruppo ipotermia e il gruppo normotermia ( 49%, 81 su 166 pazienti, e 46%, 74 su 161 pazienti, rispettivamente; rischio relativo, RR=1.07; P=0.56 ).

L'incidenza di utilizzo di prodotti del sangue, infezione ed eventi avversi gravi, così come la mortalità a 28 giorni, non differiva significativamente tra i due gruppi.

In conclusione, tra i bambini sopravvissuti ad arresto cardiaco in ospedale, l’ipotermia terapeutica, rispetto alla normotermia terapeutica, non conferisce un vantaggio significativo in termini di sopravvivenza con un esito funzionale favorevole a 1 anno. ( Xagena2017 )

Moler FW et al, N Engl J Med 2017; 376: 318-329

Cardio2017 Pedia2017



Indietro