XagenaNewsletter
Medical Meeting
Xagena Mappa
Farmaexplorer.it

Alcuni pazienti con insufficienza cardiaca possono andare incontro a esiti sfavorevoli in caso di somministrazione di liquidi e di diuretici


I pazienti ospedalizzati con insufficienza cardiaca acuta scompensata che hanno ricevuto in modo precoce fluidi per via endovenosa assieme a diuretici presentano esiti peggiori rispetto a quelli trattati con solo diuretici.

A un certo numero di pazienti ( 11% ) è stato somministrato una quantità non-trascurabile di fluidi ( mediana di 1 L ) nei primi 2 giorni del loro ricovero, e questi pazienti hanno avuto più probabilità di essere ricoverati in terapia intensiva, di essere sottoposti a intubazione, di ricevere terapia di sostituzione renale, e di morire in ospedale.

Questo studio è il primo che ha esaminato la somministrazione di liquidi con soluzione fisiologica o soluzione di Ringer lattato nei pazienti con insufficienza cardiaca.

Lo studio di coorte, retrospettivo, ha esaminato i primi 2 giorni di 131.430 ricoveri per insufficienza cardiaca nel periodo 2009-2010 in 346 ospedali.
I pazienti erano adulti con una diagnosi di insufficienza cardiaca e sono stati trattati con un diuretico nei primi 2 giorni dopo il ricovero.
Dall’analisi sono stati esclusi i pazienti che avevano ricevuto fluidi per via endovenosa per motivi specifici ( pazienti sottoposti a procedure cardiovascolari invasive; quelli con sepsi, sanguinamento, o anafilassi; e quelli che avevano ricevuto vasopressori o inotropi ).
Esclusi erano anche i pazienti con malattia renale cronica allo stadio 5 o malattia renale allo stadio terminale, così come coloro che erano stati ammessi alla terapia intensiva, erano stati intubati, o avevano ricevuto la dialisi nei primi 2 giorni di ricovero.

L’uso di liquido per via endovenosa è stato definito come almeno 500 ml di soluzione fisiologica, soluzione salina a concentrazione metà del normale, o una soluzione di Ringer lattato.
I diuretici comprendevano: Furosemide, Bumetanide, o Torsemide.

L'endpoint primario era la percentuale di ricoveri in cui i pazienti ricevevano fluido per via endovenosa nei primi 2 giorni. Gli endpoint secondari erano la durata del soggiorno in ospedale, la mortalità, e i ricoveri in terapia intensiva, intubazioni, e la terapia di sostituzione renale.

Nell’11% dei ricoveri, i pazienti avevano ricevuto fluidi per via endovenosa nei primi 2 giorni dopo il ricovero ( volume totale mediano 1.000 ml ).

I ricoveri con somministrazione di liquidi sono stati associati a più alti tassi di ricovero in Unità di terapia intensiva ( 5.7% versus 3.8%, P minore di 0.0001 ), intubazione ( 1.4% vs 1.0%, p = 0.0012 ), terapia di sostituzione renale ( 0.6% vs 0.3%, P inferiore a 0.0001 ), e mortalità intraospedaliera ( 3.3% vs 1.8%, p inferiore a 0.0001 ).

La durata del ricovero non ha presentato differenze significative tra i due gruppi ( mediana 4 giorni ). ( Xagena2015 )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2015

Cardio2015 Med2015 Farma2015


Indietro