Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Cardiobase

Ipotermia indotta nei pazienti con shock settico e insufficienza respiratoria


Modelli animali di infezione grave indicano che 24 ore di ipotermia indotta migliorino la funzione circolatoria e respiratoria e riducano la mortalità.
È stata testata l'ipotesi che una riduzione della temperatura interna a 32-34 °C attenui la disfunzione d'organo e riduca la mortalità nei pazienti dipendenti dal ventilatore con shock settico.

In uno studio randomizzato, controllato, in aperto, sono stati reclutati pazienti provenienti da 10 unità di terapia intensiva ( UTI ) in 3 Paesi in Europa e Nord America.
I criteri di inclusione per i pazienti con sepsi grave o shock settico erano una pressione arteriosa media inferiore a 70 mm Hg, ventilazione meccanica in Unità UTI, età minima di 50 anni, durata prevista del soggiorno in UTI almeno di 24 ore e reclutamento nello studio entro 6 ore dal soddisfacimento dei criteri di inclusione.

I criteri di esclusione erano emorragia incontrollata, disturbo emorragico clinicamente importante, recente chirurgia a cielo aperto, gravidanza o allattamento al seno o ricovero psichiatrico involontario.

I pazienti sono stati assegnati casualmente in un rapporto 1 a 1, stratificando per predittori di mortalità, età, punteggio Acute Physiology and Chronic Health Evaluation II e sito di studio, alla gestione termica di routine o a 24 ore di ipotermia indotta ( obiettivo 32-34 °C ) seguito da 48 ore di normotermia ( 36-38 °C ).

L'endpoint primario era la mortalità per tutte le cause a 30 giorni nella popolazione intention-to-treat modificata ( tutti i pazienti assegnati casualmente tranne quelli per i quali era stato ritirato il consenso o che soddisfacevano un criterio di esclusione dopo la randomizzazione ma prima di ricevere l'intervento di studio ).

Tra il 2011 e il 2016 sono stati esaminati 5.695 pazienti.

Dopo il reclutamento di 436 dei 560 partecipanti previsti, lo studio è stato interrotto per futilità ( 220, 50%, assegnati casualmente all'ipotermia e 216, 50%, alla gestione termica di routine ).

Nel gruppo ipotermia, 96 ( 44.2% ) su 217 sono deceduti entro 30 giorni rispetto a 77 ( 35.8% ) su 215 nel gruppo gestione termica di routine ( differenza 8.4%, rischio relativo 1.2; P=0.07 ).

Tra i pazienti con shock settico e insufficienza respiratoria ventilatore-dipendente, l'ipotermia indotta non ha ridotto la mortalità.
L'ipotermia indotta non deve essere utilizzata nei pazienti con shock settico. ( Xagena2018 )

Itenov TS et al, Lancet Respir Med 2018; 6: 183-192

Pneumo2018 Med2018



Indietro