Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
XagenaNewsletter

Malattia coronarica nei pazienti con arresto cardiaco refrattario extraospedaliero da fibrillazione ventricolare


La prevalenza della malattia coronarica ( CAD ) tra i pazienti con arresto cardiaco da fibrillazione ventricolare [ FV ] / tachicardia ventricolare [ TV ] in ambiente extraospedaliero è sconosciuta.

Sono state descritte la prevalenza e la complessità della coronaropatia ed è stata riportata la sopravvivenza alla dimissione ospedaliera in pazienti con arresto cardiaco FV/TV refrattario trattati con un nuovo protocollo di trasporto precoce in una Unità di cateterizzazione cardiaca per il supporto vitale extracorporeo ( ECLS ) e la rivascolarizzazione.

Tra il 2015 e il 2016, pazienti adulti con arresto cardiaco refrattario FV/TV, extraospedaliero, che richiedevano una rianimazione cardiopolmonare sono stati trasportati dai servizi medici di emergenza alla Unità di cateterizzazione cardiaca.

Sono stati eseguiti: supporto vitale extracorporeo, angiografia coronarica e intervento coronarico percutaneo ( PCI ), a seconda dei casi.

È stata determinata la sopravvivenza alla dimissione ospedaliera funzionalmente favorevole ( Cerebral Performance Category 1 o 2 ).
Sono stati anche valutati i risultati in un gruppo di confronto storico.

62 ( 86% ) dei 72 pazienti trasportati hanno soddisfatto i criteri di trasporto dei servizi medici di emergenza.
55 ( 89% ) dei 62 pazienti hanno soddisfatto i criteri per continuare la rianimazione all'arrivo nella Unità di cateterizzazione cardiaca; 5 hanno avuto un ritorno della circolazione spontanea, 50 hanno ricevuto supporto vitale extracorporeo e tutti e 55 hanno ricevuto angiografia coronarica.

46 ( 84% ) pazienti su 55 presentavano una malattia coronarica significativa, 35 ( 64% ) pazienti su 55 avevano lesioni trombotiche acute, e 46 ( 84% ) su 55 sono stati sottoposti a un intervento coronarico percutaneo con 2.7 stent per paziente.

Il punteggio medio SYNTAX è stato pari a 29.4.

26 ( 42% ) pazienti su 62 sono stati dimessi vivi con punteggio CPC ( Cerebral Performance Category ) 1 o 2 rispetto a 26 ( 15.3% ) su 170 nel gruppo di confronto storico ( odds ratio, OR= 4.0 ).

In conclusione, la malattia coronarica complessa ma trattabile è risultata prevalente nei pazienti con arresto cardiaco refrattario da fibrillazione ventricolare / tachicardia ventricolare, extraospedaliero, che soddisfacevano i criteri per la rianimazione continua nella Unità di cateterizzazione cardiaca.
Un approccio sistemico basato su supporto vitale extracorporeo e sulla riperfusione è sembrato in grado di migliorare la sopravvivenza funzionalmente favorevole. ( Xagena2017 )

Yannopoulos D et al, J Am Coll Cardiol 2017, 70: 1109-1117

Cardio2017 Med2017



Indietro