Forum Infettivologico
Vertigini
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite

Reidratazione intravenosa rapida versus standard nella gastroenterite pediatrica


È stato condotto uno studio in un singolo Centro, a due bracci, in parallelo, randomizzato e controllato per determinare se la reidratazione intravenosa rapida rispetto a quella standard portasse a una migliore idratazione e a migliori esiti clinici quando somministrata a bambini con gastroenterite.

Lo studio è stato condotto presso il Dipartimento di emergenza pediatrica in un Centro di terzo livello di Toronto ( Canada ), e ha coinvolto 226 bambini di età compresa tra 3 mesi e 11 anni; nel 99% ( n=223 ) dei casi è stato completato il follow-up.

I bambini idonei all'arruolamento avevano un'età superiore a 90 giorni, una diagnosi di disidratazione secondaria a gastroenterite, non avevano risposto a reidratazione orale ed era stata prescritta loro la reidratazione endovenosa.

Sono stati esclusi i bambini con un peso inferiore a 5 kg o superiore a 33 kg, che richiedevano restrizione dei liquidi, mostravano una sospetta condizione chirurgica o una insormontabile barriera legata al linguaggio.

Sono stati inoltre esclusi i bambini con una storia di malattia sistemica cronica, chirurgia addominale, vomito di bile o sangue, ipotensione, ipoglicemia o iperglicemia.

Ai bambini è stata praticata reidratazione rapida ( 60 mL/kg ) o standard ( 20 mL/kg ) con soluzione salina 0.9% in un'ora; i liquidi successivi sono stati somministrati in accordo con il protocollo.

L'esito primario era la reidratazione clinica, valutata mediante una scala validata, 2 ore dopo l'inizio del trattamento.

Gli esiti secondari erano trattamento prolungato, punteggi medi di disidratazione clinica nelle 4 ore del periodo di studio, tempo alla dimissione, visite ripetute al Pronto Soccorso e rassicurazione del medico con dimissione.

I dati da tutti i pazienti randomizzati sono stati inclusi in un'analisi per intention-to-treat.

In totale, 114 pazienti sono stati randomizzati a reidratazione rapida e 112 a reidratazione standard.

Un bambino è stato escluso a causa di iponatremia grave al basale.

Non sono emerse differenze tra reidratazione rapida e standard nella proporzione di partecipanti risultati reidratati a 2 ore ( 36% versus 30% ); differenza 6.5%; P=0.32 ).

I risultati non sono cambiati dopo aggiustamento per peso, punteggio di disidratazione al basale e pH al basale ( odds ratio, OR=1.8; P=0.10 ).

I tassi di trattamento prolungato sono risultati simili ( 52% rapida vs 43% standard; differenza 8.9%; P=0.19 ).

Benché i punteggi di disidratazione siano risultati simili nel periodo di studio ( P=0.96 ), è stato osservato un tempo alla dimissione più lungo per il gruppo sottoposto a infusione rapida ( 6.3 vs 5.0 ore; P=0.03 ).

In conclusione, non è stato osservato alcun beneficio clinico rilevante dalla somministrazione di reidratazione intravenosa rapida rispetto a standard in bambini stabili dal punto di vista emodinamico per i quali è stato ritenuto necessario un intervento di reidratazione endovenosa. ( Xagena2011 )

Freedman SB et al, BMJ 2011; 343: d6976


Gastro2011 Pedia2011



Indietro