Vertigini
Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Attacchi cerebrali pediatrici: ictus e non-ictus


Sono stati determinati i sintomi, i segni, e l’eziologia degli attacchi cerebrali nei bambini che si presentano al Dipartimento di Emergenza, come primo passo per lo sviluppo di un percorso per l’attacco cerebrale pediatrico.

È stato effettuato uno studio prospettico osservazionale con bambini di età compresa tra 1 mese e 18 anni con attacchi cerebrali ( definiti come disfunzione cerebrale focale con esordio apparentemente brusco ) e sintomi o segni in corso all'arrivo al Pronto Soccorso.

I criteri di esclusione hanno incluso epilessia, idrocefalo, trauma cranico, ed isolato mal di testa.

Una meta-analisi di studi analoghi sugli adulti è stata confrontata con l'attuale studio.

Sono stati analizzati 287 bambini ( 46% maschi ) con 301 presentazioni in 17 mesi.
Il 35% è arrivato in ambulanza.

La durata media dei sintomi prima dell'arrivo era di 6 ore ( intervallo interquartile 2-28 ore ).
Il tempo medio dall’arrivo alla valutazione medica è stato di 22 minuti ( range interquartile 6-55 minuti ).

I sintomi più comuni sono stati: cefalea ( 56% ), vomito ( 36% ), debolezza focale ( 35% ), intorpidimento ( 24% ), disturbi visivi ( 23% ), convulsioni ( 21% ) e stato di coscienza alterato ( 21% ).

I segni comuni hanno incluso: debolezza focale ( 31% ), intorpidimento ( 13% ), atassia ( 10% ), o disturbi della parola ( 8% ).

Le tecniche di neuroimaging hanno incluso tomografia computerizzata ( 30% ), anormale nel 27% dei soggetti, e risonanza magnetica ( 31% ), anormale nel 62% dei casi.

Le diagnosi più comuni sono state emicrania ( 28% ), convulsioni ( 15% ), paralisi di Bell ( 10% ), ictus ( 7% ) e disturbi di conversione ( 6%).

Le proporzioni relative di patologie nei bambini si sono significativamente distinte dagli adulti per ictus, emicrania, convulsioni e disturbi di conversione.

In conclusione, le eziologie di attacco cerebrale nei bambini differiscono da quelle degli adulti, e l’ictus è la quarta diagnosi più comune.
Questi risultati possono essere utili per lo sviluppo di percorsi clinici di emergenza per gli attacchi cerebrali pediatrici. ( Xagena2014 )

Mackay MT et al, Neurology 2014; 82: 1434-1440

Neuro2014 Med2014



Indietro