Vertigini
Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Blocco della costimulazione con Abatacept per la prevenzione della malattia da trapianto contro l'ospite acuta


La malattia acuta da trapianto contro l'ospite ( AGVHD ) grave ( grado 3-4 ) è una delle principali cause di morte dopo trapianto di cellule ematopoietiche ( HCT ) da donatore non-imparentato ( URD ), con conseguente mortalità particolarmente elevata dopo trapianto con mismatch allelico del complesso HLA.

Non esistono agenti approvati per la prevenzione della malattia GVHD acuta, il che sottolinea l'esigenza critica insoddisfatta di nuove terapie.

ABA2 era uno studio di fase II che aveva come obiettivo quello di valutare rigorosamente la sicurezza, l'efficacia e gli effetti immunologici dell'aggiunta del blocco della costimolazione delle cellule T con Abatacept alla profilassi della malattia GVHD a base di inibitori della calcineurina ( CNI ) / Metotrexato ( MTX ), per verificare se Abatacept potesse ridurre la forma acuta di GVHD.

ABA2 ha arruolato adulti e bambini con neoplasie ematologiche in due strati: uno strato randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ( 8/8-HLA-matched URD ), che ha confrontato il trattamento CNI/MTX più Abatacept con CNI/MTX più placebo, e uno strato a braccio singolo ( 7/8-HLA-mismatched URD) che ha confrontato CNI/MTX più Abatacept rispetto ai controlli CNI/MTX secondo CIBMTR ( Center for International Blood & Marrow Transplant Research ).

L'endpoint primario era la malattia GVHD acuta di grado 3-4 al giorno 100 e oltre, con la sopravvivenza libera da malattia GVHD acuta, grave ( SGFS ), al giorno 180 e oltre come endpoint secondario chiave.

Le dimensioni del campione sono state calcolate utilizzando un errore di tipo 1 più elevato ( 0.2 ) come raccomandato per gli studi di fase II e si basavano sulla previsione secondo cui Abatacept avrebbe ridotto la malattia GVHD acuta di grado 3-4 dal 20% al 10% ( 8/8s ) e dal 30% al 10% ( 7/8s ).
ABA2 ha arruolato 142 riceventi ( 8/8s, follow-up mediano=716 giorni ) e 43 riceventi ( 7/8s, follow-up mediano=708 giorni ).

In 8/8s, la malattia GVHD grave di grado 3-4 è stata del 6.8% ( Abatacept ) rispetto al 14.8% ( placebo ) ( P=0.13, hazard ratio=0.45 ).

La sopravvivenza SGFS è stata del 93.2% nel gruppo CNI/MTX più Abatacept, rispetto all'82% del gruppo CNI/MTX più placebo ( P=0.05 ).

Nella coorte 7/8 più piccola, la malattia GVHD acuta di grado 3-4 è stata del 2.3% ( CNI/MTX più Abatacept, popolazione intention-to-treat ), che si è confrontata favorevolmente con una coorte abbinata non-randomizzata di CNI/MTX ( 30.2%, P minore di 0.001), e la sopravvivenza SGFS è stata migliore ( 97.7% vs 58.7%, P minore di 0.001 ).

L'analisi immunologica ha rivelato il controllo dell'attivazione delle cellule T nei pazienti trattati con Abatacept.

L'aggiunta di Abatacept al trapianto di cellule ematopoietiche da donatore non-imparentato è risultata sicura, ha ridotto la malattia acuta da trapianto contro l'ospite e ha migliorato la sopravvivenza libera da malattia GVHD acuta, grave.
Questi risultati suggeriscono che Abatacept può migliorare sostanzialmente gli esiti dei trapianti correlati alla malattia GVHD acuta, con un impatto particolarmente benefico sui trapianti con cellule ematopoitiche e mismatch di HLA. ( Xagena2021 )

Watkins B et al, J Clin Oncol 2021; 39: 1865-1877

Med2021 Emo2021 Farma2021


Indietro