Alliance Cicatrici
Vertigini
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Caratteristiche ed esiti di pazienti infettati dal virus SARS-CoV-2 ricoverati in terapia intensiva in Lombardia


Nel dicembre 2019, un nuovo coronavirus ( sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2, SARS-CoV-2 ) è emerso in Cina e si è diffuso a livello globale, creando una pandemia.
Le informazioni sulle caratteristiche cliniche dei pazienti infetti che richiedono cure intensive sono limitate.

Sono stati caratterizzati pazienti con malattia da coronavirus 2019 ( COVID-19 ) che necessitavano di trattamento in un'Unità di terapia intensiva ( UTI ) nella regione Lombardia ( Italia ), in una serie di casi retrospettivi di 1.591 pazienti consecutivi con COVID-19 confermato in laboratorio, trattati presso una delle unità di terapia intensiva dei 72 ospedali del Network UTI COVID-19 della Lombardia tra il 20 febbraio e il 18 marzo 2020.
La data del follow-up finale era il 25 marzo 2020.

I pazienti erano stati esposti a infezione da virus SARS-CoV-2 confermata dal test della reazione a catena della polimerasi a trascrittasi inversa in tempo reale ( RT-PCR ) di tamponi nasali e faringei.

Tra i 1.591 pazienti inclusi nello studio, l'età mediana era di 63 anni e 1.304 ( 82% ) erano maschi.
Dei 1.043 pazienti con dati disponibili, 709 ( 68% ) avevano almeno 1 comorbilità e 509 ( 49% ) soffrivano di ipertensione.

Tra i 1.300 pazienti con dati di supporto respiratorio disponibili, 1.287 ( 99% ) necessitavano di supporto respiratorio, inclusi 1.150 ( 88% ) che hanno ricevuto ventilazione meccanica e 137 ( 11% ) che hanno ricevuto ventilazione non-invasiva.

La pressione positiva di fine espirazione mediana ( PEEP ) era di 14 centimetri [ cm ] H2O, e FiO2 ( frazione inspirata di O2 ) era superiore al 50% nell’89% dei pazienti.
PaO2 / FiO2 mediana era 160.
Il livello mediano di PEEP non era differente tra i pazienti più giovani ( n=503 di età inferiore o uguale a 63 anni ) e i pazienti più anziani ( n=514 di età maggiore o uguale a 64 anni ) ( 14 vs 14 cm H2O, rispettivamente; differenza mediana, 0; P=0.94 ).

FiO2 mediana era inferiore nei pazienti più giovani: 60% vs 70% ( differenza mediana, −10%; P=0.006 ), e il rapporto PaO2 / FiO2 mediano era più alto nei pazienti più giovani: 163.5 vs 156 ( differenza mediana, 7; P=0.02 ).

I pazienti con ipertensione ( n=509 ) erano più anziani di quelli senza ipertensione ( n=526 ) ( età mediana 66 anni vs 62 anni; P minore di 0.001 ) e avevano un minor rapporto PaO2 / FiO2 ( mediana 146 vs 173; differenza mediana, −27; P=0.005 ).

Tra i 1.581 pazienti con dati sulla terapia intensiva disponibili al 25 marzo 2020, 920 ( 58% ) erano ancora in terapia intensiva, 256 ( 16% ) erano stati dimessi dalla terapia intensiva e 405 ( 26% ) erano morti in terapia intensiva.

I pazienti più anziani ( n=786; età maggiore o uguale a 64 anni ) avevano una mortalità più elevata rispetto ai pazienti più giovani ( n=795; età inferiore o uguale a 63 anni ) ( 36% vs 15%; differenza, 21%; P minore di 0.001 ).

In questa serie di casi di pazienti critici con COVID-19 confermato in laboratorio e ricoverati in terapia intensiva in Lombardia, la maggior parte era rappresentata da uomini anziani, una grande percentuale ha richiesto ventilazione meccanica e alti livelli mediani di pressione positiva di fine espirazione e la mortalità in terapia intensiva è stata del 26%. ( Xagena2020 )

Grasselli G et al, JAMA 2020; 323: 1574-1581

Inf2020 Med2020



Indietro