Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Vertigini
Alliance Dermatite

Cardioversione della fibrillazione atriale acuta in Unità di osservazione breve: confronto tra un protocollo focalizzato sulla cardioversione elettrica e un semplice trattamento antiaritmico


La cardioversione elettrica con erogazione diretta della corrente ( DCC ) ha dimostrato di essere efficace nel trattamento in acuto della fibrillazione atriale nel reparto di Emergenza.

Uno studio ha messo a confronto la cardioversione farmacologica con una strategia che prevedeva il ricorso alla conversione elettrica nei pazienti con fibrillazione atriale, di recente insorgenza ( inferiore a 48 ore ), non-complicata, in un’Unità a breve osservazione.

Uno studio prospettico osservazionale è stato intrapreso nel corso di un periodo di 13 mesi in due Centri.

Un protocollo con cardioversione elettrica è stato applicato a 171 casi di fibrillazione atriale in un ospedale ( coorte DCC ), mentre la cardioversione farmacologica ha interessato 151 casi di fibrillazione atriale in un altro ospedale ( coorte P ).

I pazienti rimasti in fibrillazione atriale dopo 24 ore sono stati ricoverati.

Gli endpoint dello studio erano: tasso di dimissioni in ritmo sinusale, la durata della permanenza nel Dipartimento di Emergenza, il tasso di ospedalizzazione e le complicanze del trattamento.

La dimissione in ritmo sinusale è stata ottenuta in 159 casi su 171 nella corte DCC e in 77 casi su 151 nella coorte P ( 93% vs 51%; number needed to treat [ NNT ] 2.4; p inferiore a 0.001 ).

La durata media della permanenza nel reparto è stata di 7 ore nella coorte DCC e 9 ore nella coorte cardioversione farmacologica ( p=0.43).

Undici casi nel gruppo cardioversione elettrica e 67 casi nel gruppo trattamento farmacologico sono stati ricoverati ( tasso di ricovero: 6% vs 44%, NNT 2.6; p inferiore a 0.001 ).

Tre complicanze a breve termine si sono verificate nella coorte cardioversione elettrica e 5 nella coorte cardioversione farmacologica ( 2% vs 3%, p=0.59 ).
Due casi di ictus sono stati registrati nella coorte cardioversione elettrica durante i 6 mesi di follow-up ( p non definito ).

Dallo studio è emerso che la cardioversione elettrica della fibrillazione atriale di recente insorgenza in Unità di osservazione breve è sicura, efficace e riduce le ospedalizzazioni.
Ulteriori studi sono necessari per identificare la strategia più conveniente per la gestione dei pazienti con fibrillazione atriale in contesti di emergenza. ( Xagena2011 )

Cristoni L et al, Emerg Med J 2011; 28: 932-937


Cardio2011 Farma2011


Indietro