Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Vertigini
Alliance Dermatite

Effetti del Acido Tranexamico su mortalità, eventi vascolari occlusivi e trasfusioni di sangue in pazienti con emorragia significativa


L’Acido Tranexamico ( Tranex ) può ridurre il sanguinamento in pazienti che si devono sottoporre a chirurgia elettiva.

Uno studio ha valutato gli effetti della somministrazione precoce di un breve ciclo di Acido Tranexamico su mortalità, eventi vascolari occlusivi o trasfusioni sanguigne in pazienti con trauma.

Lo studio randomizzato e controllato è stato condotto in 274 ospedali in 40 Paesi e ha coinvolto 20.211 pazienti adulti con trauma con sanguinamento o a rischio di sanguinamento significativo che sono stati assegnati in maniera casuale entro 8 ore dal trauma ad Acido Tranexamico ( dose di carico 1 g in 10 minuti seguita da infusione di 1 g in 8 ore ) o placebo.

L’esito primario era il decesso in ospedale entro 4 settimane dal trauma e descritto in base alle seguenti categorie: sanguinamento, occlusione vascolare ( infarto del miocardio, ictus ed embolia polmonare ), insufficienza multiorgano, danno alla testa e altro.
Tutte le analisi sono state condotte per intention-to-treat.

In totale, 10.096 pazienti sono stati assegnati a ricevere Acido Tranexamico e 10.115 placebo; in questi due gruppi sono stati analizzati, rispettivamente, 10.060 e 10.067 pazienti.

La mortalità per tutte le cause è risultata significativamente ridotta nel gruppo Acido Tranexamico ( 14.5% nel gruppo Acido Tranexamico vs 16.0% nel gruppo placebo; rischio relativo, RR=0.91; p=0.0035 ).

Anche il rischio di morte per sanguinamento è risultato significativamente ridotto ( 4.9% vs 5.7%; RR=0.85; p=0.0077 ).

In conclusione, il trattamento con Acido Tranexamico ha ridotto in maniera sicura il rischio di mortalità nei pazienti traumatizzati e con sanguinamento. Sulle basi di questi risultati l’Acido Tranexamico dovrebbe essere preso in considerazione per questo tipo di pazienti. ( Xagena2010 )

CRASH-2 trial collaborators, Lancet 2010; 376: 23-32


Farma2010 Emo2010

XagenaFarmaci_2010



Indietro