Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto dell'ossigenoterapia ad alto flusso rispetto all'ossigenoterapia convenzionale sulla ventilazione meccanica invasiva e sul recupero clinico nei pazienti con forma grave di COVID-19


L'effetto dell'ossigenoterapia ad alto flusso rispetto all'ossigenoterapia convenzionale non è stato stabilito nel contesto della forma grave di COVID-19.

È stato determinato l'effetto dell'ossigenoterapia ad alto flusso attraverso una cannula nasale rispetto all'ossigenoterapia convenzionale sulla necessità di intubazione endotracheale e sul recupero clinico in caso di COVID-19 grave.

È stato condotto uno studio clinico randomizzato in aperto in unità di Pronto soccorso e Terapia intensiva in 3 ospedali in Colombia.
In totale 220 adulti con distress respiratorio e un rapporto tra pressione parziale di Ossigeno arterioso e frazione di ossigeno inspirato inferiore a 200 a causa di COVID-19 sono stati randomizzati da agosto 2020 a gennaio 2021, con ultimo follow-up il 10 febbraio 2021.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ossigeno ad alto flusso attraverso una cannula nasale ( n=109 ) o ossigenoterapia convenzionale ( n=111 ).

Gli esiti co-primari erano la necessità di intubazione e il tempo per il recupero clinico fino al giorno 28, come valutato da una scala ordinale di 7 categorie ( intervallo, 1-7, con punteggi più alti ad indicare una condizione peggiore ).
Gli effetti dei trattamenti sono stati calcolati con un modello di rischio proporzionale di Cox aggiustato per gravità, età e comorbilità dell'ipossiemia.

Tra 220 pazienti randomizzati, 199 sono stati inclusi nell'analisi ( età mediana, 60 anni; n=65 donne, 32.7% ).

L'intubazione si è verificata in 34 pazienti ( 34.3% ) randomizzati a terapia con Ossigeno ad alto flusso e in 51 ( 51.0% ) randomizzati a terapia con ossigeno convenzionale ( hazard ratio, HR=0.62; P=0.03 ).

Il tempo mediano al recupero clinico entro 28 giorni è stato di 11 giorni nei pazienti randomizzati a terapia con Ossigeno ad alto flusso rispetto a 14 giorni in quelli randomizzati a terapia con Ossigeno convenzionale ( HR=1.39; P=0.047 ).

Si è verificata sospetta polmonite batterica in 13 pazienti ( 13.1% ) randomizzati a Ossigeno ad alto flusso e in 17 ( 17.0% ) di quelli randomizzati a terapia con Ossigeno convenzionale, mentre la batteriemia è stata rilevata rispettivamente in 7 ( 7.1% ) vs 11 pazienti ( 11.0% ).

Tra i pazienti con COVID-19 grave, l'uso di Ossigeno ad alto flusso attraverso una cannula nasale ha ridotto significativamente la necessità di supporto della ventilazione meccanica e il tempo per il recupero clinico rispetto alla terapia con Ossigeno a basso flusso convenzionale. ( Xagena2021 )

Ospina-Tascón GA et al, JAMA 2021; 326: 2161-2171

Inf2021 Med2021 Farma2021



Indietro