Alliance Cicatrici
Vertigini
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Effetto di una Trombomodulina umana ricombinante solubile sulla mortalità nei pazienti con coagulopatia associata a sepsi


Ricerche precedenti hanno indicato che la Trombomodulina umana ricombinante solubile possa ridurre la mortalità tra i pazienti con coagulopatia associata a sepsi.
È stato determinato l'effetto della Trombomodulina umana ricombinante rispetto al placebo sulla mortalità per tutte le cause a 28 giorni tra i pazienti con coagulopatia associata a sepsi.

SCARLET era uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, multinazionale e multicentrico di fase 3 condotto in Unità di terapia intensiva in 159 siti in 26 Paesi.
Tutti i pazienti adulti ricoverati in una delle Unità di terapia intensiva partecipanti tra il 2012 e il 2018 con coagulopatia associata a sepsi e concomitante insufficienza cardiaca e/o respiratoria, definita come un rapporto internazionale normalizzato superiore a 1.40 senza altra eziologia nota e conta piastrinica nell'intervallo compreso tra 30 e 150 x 109/l o una riduzione superiore al 30% della conta piastrinica entro 24 ore, sono stati considerati per l'inclusione.
La data finale del follow-up era nel 2019.

I pazienti con coagulopatia associata a sepsi sono stati randomizzati e trattati con un bolo endovenoso o una infusione di Trombomodulina di 15 minuti ( 0.06 mg/kg/giorno, massimo 6 mg/giorno, n=395 ) o un placebo corrispondente ( n=405 ) una volta al giorno per 6 giorni.

L'endpoint primario era la mortalità per tutte le cause a 28 giorni.

Tra 816 pazienti randomizzati, 800 ( età media, 60.7 anni, 437 uomini, 54.6% ) hanno completato lo studio e sono stati inclusi nel set completo di analisi.

In questi pazienti, il tasso di mortalità per tutte le cause a 28 giorni non è stato statisticamente significativamente diverso tra il gruppo Trombomodulina e il gruppo placebo ( 106 su 395 pazienti, 26.8%, vs 119 su 405 pazienti, 29.4%, rispettivamente; P=0.32 ).

La differenza assoluta di rischio è stata pari a 2.55%.

L'incidenza di gravi eventi avversi emorragici ( definita come qualsiasi emorragia intracranica, sanguinamento potenzialmente letale o sanguinamento classificato come grave dallo sperimentatore, con somministrazione di almeno 1.440 ml, in genere 6 Unità, di globuli rossi concentrati su 2 giorni consecutivi ) è stata di 23 su 396 pazienti ( 5.8% ) nel gruppo Trombomodulina e 16 su 404 ( 4.0% ) nel gruppo placebo.

Tra i pazienti con coagulopatia associata alla sepsi, la somministrazione di Trombomodulina umana ricombinante, rispetto al placebo, non ha ridotto significativamente la mortalità per tutte le cause a 28 giorni. ( Xagena2019 )

Vincent J-L et al, JAMA 2019; 321: 1993-2002

Emo2019 Med2019 Farma2019


Indietro