Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Efficacia e sicurezza di Baricitinib per il trattamento degli adulti ospedalizzati con COVID-19: studio COV-BARRIER


Baricitinib ( Olumiant ) è un inibitore orale selettivo della Janus chinasi 1/2 con note proprietà antinfiammatorie.
Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Baricitinib in combinazione con lo standard di cura per il trattamento di adulti ospedalizzati con COVID-19.

In questo studio di fase 3, in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo, i partecipanti sono stati arruolati da 101 centri in 12 Paesi in Asia, Europa, Nord America e Sud America.
Gli adulti ricoverati con COVID-19 che ricevevano lo standard di cura sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Baricitinib una volta al giorno 4 mg oppure placebo abbinato per un massimo di 14 giorni.
Lo standard di cura consisteva di corticosteroidi sistemici ( Desametasone ), e antivirali ( Remdesivir ).

L'endpoint primario composito era la proporzione di pazienti che è progredita verso Ossigeno ad alto flusso, ventilazione non-invasiva, ventilazione meccanica invasiva o morte entro il giorno 28, valutata nella popolazione intention-to-treat ( ITT ).

La mortalità per tutte le cause entro il giorno 28 è stata un endpoint secondario chiave e la mortalità per tutte le cause entro il giorno 60 è stata un endpoint esplorativo; entrambi sono stati valutati nella popolazione ITT.

Le analisi di sicurezza sono state eseguite nella popolazione di sicurezza definita come tutti i partecipanti assegnati in modo casuale che hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio e che non sono stati persi al follow-up prima della prima visita post-basale.

Tra l'11 giugno 2020 e il 15 gennaio 2021, 1.525 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Baricitinib ( n=764 ) o al gruppo placebo ( n=761 ). 1.204 dei 1.518 partecipanti ( 79.3% ) con dati disponibili stavano ricevendo corticosteroidi sistemici al basale, di cui 1.099 ( 91.3% ) erano in trattamento con Desametasone; 287 partecipanti ( 18.9% ) stavano ricevendo Remdesivir.

Complessivamente, il 27.8% dei partecipanti che hanno ricevuto Baricitinib e il 30.5% di quelli che hanno ricevuto il placebo hanno raggiunto l'endpoint primario ( odds ratio, OR=0.85, P=0.18 ), con una differenza di rischio assoluto di -2.7 punti percentuali.

La mortalità per tutte le cause a 28 giorni è stata dell'8% ( n=62 ) per Baricitinib e del 13% ( n=100 ) per il placebo ( hazard ratio, HR=0.57; P nominale=0.0018 ), una riduzione relativa della mortalità del 38.2%; un ulteriore decesso è stato prevenuto ogni 20 partecipanti trattati con Baricitinib.

La mortalità per tutte le cause a 60 giorni è stata del 10% ( n=79 ) per Baricitinib e del 15% ( n=116 ) per il placebo ( HR=0.62; P=0.0050 ).

Le frequenze di eventi avversi gravi ( 110 su 750, 15%, nel gruppo Baricitinib vs 135 su 752, 18%, nel gruppo placebo ), infezioni gravi ( 64, 9%, vs 74, 10% ) ed eventi tromboembolici venosi ( 20, 3%, vs 19, 3% ) sono state simili tra i due gruppi.

Sebbene non vi sia stata una riduzione significativa della frequenza della progressione complessiva della malattia, il trattamento con Baricitinib in aggiunta allo standard di cura ( incluso Desametasone ) ha avuto un profilo di sicurezza simile a quello del solo standard di cura ed è stato associato a una ridotta mortalità negli adulti ospedalizzati con COVID-19. ( Xagena2021 )

Marconi VC et al, Lancet Respiratory Medicine 2021; 9: 1407-1418

Inf2021 Med2021 Farma2021


Indietro