Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esiti clinici tra i pazienti con sopravvivenza a un anno dal trattamento in Unità di terapia intensiva per COVID-19


Gli esiti a un anno nei pazienti che hanno sofferto di COVID-19 e che hanno ricevuto un trattamento nell'Unità di terapia intensiva ( ICU ) sono sconosciuti.

È stata valutata l'occorrenza di sintomi fisici, mentali e cognitivi tra i pazienti con COVID-19 un anno dopo il trattamento in terapia intensiva.
È stato condotto uno studio esplorativo di coorte prospettico multicentrico nella terapia intensiva di 11 ospedali olandesi.

I pazienti ( n= 452 ) con COVID-19, di età pari o superiore a 16 anni, e vivi dopo la dimissione dall'ospedale in seguito al ricovero in una delle 11 Unità di terapia intensiva durante il primo picco di COVID-19 ( da marzo 2020 a luglio 2020 ) erano ammissibili per l'inclusione.
I pazienti sono stati seguiti per 1 anno e la data del follow-up finale è stata il 16 giugno 2021.

Gli esiti principali sono stati la comparsa auto-riferita di sintomi fisici [ fragilità, punteggio CFS ( Clinical Frailty Scale ) maggiore o uguale a 5; affaticamento punteggio della sottoscala della fatica CIS ( Checklist Individual Strength ) maggiore o uguale a 27; problemi fisici ), sintomi mentali ( ansia, punteggio della sottoscala HADS ( Hospital Anxiety and Depression ) maggiore o uguale a 8; depressione, punteggio della sottoscala HADS maggiore o uguale a 8; disturbo da stress post-traumatico, punteggio medio IES ( Impact of Event Scale ) maggiore o uguale a 1.75 ) e sintomi cognitivi ( punteggio CFQ-14 ( Cognitive Failure Questionnaire ) maggiore o uguale a 43 ] 1 anno dopo il trattamento in terapia intensiva, misurati con questionari validati.

Dei 452 pazienti idonei, 301 ( 66.8% ) sono stati inclusi e 246 ( 81.5% ) ( età media 61.2 anni; 176 uomini, 71.5%; permanenza mediana in terapia intensiva, 18 giorni ) hanno completato i questionari di follow-up a 1 anno.

A 1 anno dal trattamento in terapia intensiva per COVID-19, i sintomi fisici sono stati segnalati da 182 su 245 pazienti ( 74.3% ), i sintomi mentali sono stati segnalati da 64 su 244 pazienti ( 26.2% ) e i sintomi cognitivi sono stati riportati da 39 su 241 pazienti ( 16.2% ).

I nuovi problemi fisici più frequentemente segnalati sono stati: condizione indebolita ( 95/244 pazienti, 38.9% ), rigidità articolare ( 64/243 pazienti, 26.3% ), dolore articolare ( 62/243 pazienti, 25.5% ), debolezza muscolare ( 60/242 pazienti, 24.8% ) e mialgia ( 52/244 pazienti, 21.3% ).

In questo studio esplorativo su pazienti in 11 ospedali olandesi sopravvissuti un anno dopo il trattamento in terapia intensiva per COVID-19, sono stati frequentemente riportati sintomi fisici, mentali o cognitivi. ( Xagena2022 )

Heesakkers H et al, JAMA 2022; 327: 559-565

Inf2022 Med2022



Indietro