Xagena Mappa
Medical Meeting
Reumabase.it
Onco News

Fattori di rischio di morte cardiaca improvvisa nei giovani


La prevenzione dell’arresto cardiaco improvviso ( SCA ) nei giovani rimane un problema di salute pubblica in gran parte irrisolto e l'attività sportiva è un fattore scatenante stabilito.
Sebbene la presenza di fattori di rischio cardiovascolare standard nei giovani possa collegarsi alla futura morbilità e mortalità in età adulta, il potenziale contributo di questi fattori di rischio alla morte cardiaca improvvisa nei giovani non è stato valutato.

Sono stati esaminati in modo prospettico i soggetti che hanno avuto esperienza di arresto cardiaco improvviso tra i 5 e i 34 anni nell'area metropolitana di Portland, Oregon ( 2002-2015, popolazione di utenza circa 1 milione ).

Sono state valutate le circostanze, i risultati della rianimazione e il profilo clinico dei soggetti con arresto cardiaco improvviso mediante una valutazione dettagliata dei registri delle emergenze, dei dati clinici nella vita e degli esami autoptici.

È stata specificamente valutata l'associazione tra fattori di rischio cardiovascolare standard e arresto cardiaco improvviso e lo sport come innesco per arresto cardiaco improvviso nei giovani.

Su 3.775 arresti cardiaci improvvisi in tutte le fasce di età, 186 ( 5% ) si sono verificati nei giovani ( età media 25.9 anni, 67% maschi ).

Negli arresti cardiaci improvvisi nei giovani, la prevalenza generale dei segnali di allarme prima di arresto cardiaco improvviso è stata bassa ( 29% ), e 26 ( 14% ) erano associati allo sport come fattore scatenante. Il resto ( n=160 ) si è verificato in altre impostazioni classificate come non-sport.

Gli arresti cardiaci improvvisi legati allo sport hanno rappresentato il 39% degli arresti cardiaci improvvisi nei pazienti di età uguale o inferiore a 18 anni, il 13% degli arresti cardiaci improvvisi nei pazienti di età compresa tra 19 e 25 anni e il 7% degli arresti cardiaci improvvisi nei pazienti di età compresa tra 25 e 34 anni.

I casi di arresto cardiaco improvviso correlati allo sport hanno avuto più probabilità di presentarsi con ritmi defibrillabili e la sopravvivenza all’arresto cardiaco è stata 2.5 volte superiore negli arresti cardiaci improvvisi correlati allo sport rispetto ai non-sport ( 28% vs 11%; P=0.05 ).

Complessivamente, le condizioni più comuni correlate all' arresto cardiaco improvviso sono state sindrome di morte aritmica improvvisa ( 31% ), malattia coronarica ( 22% ) e cardiomiopatia ipertrofica ( 14% ).

C'è stata una prevalenza inaspettatamente elevata complessiva di fattori di rischio cardiovascolare stabiliti ( obesità, diabete mellito, ipertensione, iperlipidemia, fumo ) con uno o più fattori di rischio nel 58% dei casi di arresto cardiaco improvviso.

In conclusione, lo sport è risultato essere un fattore scatenante di arresto cardiaco improvviso in una minoranza di casi e, nella maggior parte dei pazienti, l' arresto cardiaco improvviso si è verificato senza sintomi premonitori.
I fattori di rischio cardiovascolare standard sono stati trovati in oltre la metà dei pazienti. ( Xagena2018 )

Jayaraman R et al, Circulation 2018; 137: 1561-1570

Cardio2018 Med2018 Pedia2018



Indietro