Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter
Alliance Dermatite

Idratazione aggressiva con fluidi più farmaci antinfiammatori non-steroidei rispetto ai soli farmaci antinfiammatori non-steroidei per la pancreatite con colangiopancreatografia retrograda post-endoscopica: studio FLUYT


La pancreatite è la complicanza più comune della colangiopancreatografia retrograda endoscopica ( ERCP ).
La somministrazione profilattica rettale di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) è considerata uno standard di cura per ridurre il rischio di pancreatite post-ERCP.
Si è ipotizzato che un'idratazione aggressiva possa ridurre ulteriormente questo rischio.

Le linee guida raccomandano già una idratazione aggressiva nei pazienti che non sono in grado di ricevere FANS rettali, sebbene sia laboriosa e dispendiosa in termini di tempo.
È stato valutato il valore aggiunto dell'idratazione aggressiva nei pazienti che ricevono FANS rettali profilattici.

FLUYT, uno studio multicentrico, in aperto, randomizzato e controllato condotto in 22 ospedali olandesi, ha incluso pazienti di età compresa tra 18 e 85 anni con rischio da moderato ad alto di pancreatite post-ERCP.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a una combinazione di idratazione aggressiva e FANS rettali ( 100 mg Diclofenac o Indometacina; gruppo di idratazione aggressiva ) o FANS rettali ( 100 mg Diclofenac o Indometacina ) da soli ( gruppo di controllo ).
La randomizzazione è stata stratificata in base al centro di trattamento.

L'idratazione aggressiva comprendeva 20 ml/kg di soluzione di Ringer lattato per via endovenosa entro 60 minuti dall'inizio dell'ERCP, seguiti da 3 ml/kg all'ora per 8 ore.
Il gruppo di controllo ha ricevuto normale soluzione fisiologica per via endovenosa con un massimo di 1.5 ml/kg per ora e 3 litri per 24 ore.

L'endpoint primario era la pancreatite post-ERCP ed è stato analizzato su base intention-to-treat modificata ( compresi tutti i pazienti sottoposti a randomizzazione ed ERCP e per i quali erano disponibili dati sull'esito primario ).

Tra il 2015 e il 2019, sono stati assegnati in modo casuale 826 pazienti; di questi 388 nel gruppo idratazione aggressiva e 425 nel gruppo controllo sono stati inclusi nell'analisi intention-to-treat modificata ( mITT ).

La pancreatite post-ERCP si è verificata in 30 pazienti ( 8% ) nel gruppo idratazione aggressiva e in 39 pazienti ( 9% ) nel gruppo controllo ( rischio relativo, RR=0.84, P=0.53 ).

Non ci sono state differenze negli eventi avversi gravi, comprese le complicanze legate all'idratazione ( RR=0.99; P=1.00 ), le complicanze legate all'ERCP ( RR=0.90; P=0.62 ), ricovero in terapia intensiva ( RR=0.37; P=0.22 ) e mortalità a 30 giorni ( RR=0.95; P=1.00 ).

L'idratazione periprocedurale aggressiva non ha ridotto l'incidenza di pancreatite post-ERCP in pazienti con rischio da moderato ad alto di sviluppare questa complicanza che ricevevano di routine FANS rettali profilattici.
Pertanto, l'onere dell'idratazione periprocedurale aggressiva laboriosa e dispendiosa in termini di tempo per ridurre ulteriormente il rischio di pancreatite post-ERCP non è giustificato. ( Xagena2021 )

Sperna Weiland CJ et al, Lancet Gastroenterology & Hepatology 2021; 6: 350-358

Gastro2021 Med2021 Farma2021


Indietro