Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Immunoglobuline per via endovenosa nei pazienti con sindrome da distress respiratorio acuto da moderato a grave associato a COVID-19: studio ICAR


La sindrome da distress respiratorio acuto ( ARDS ) è una delle principali complicanze di COVID-19, ed è associata a mortalità e morbilità elevate.
Si è valutato se le immunoglobuline per via endovenosa ( IVIG ) possano migliorare gli esiti riducendo il danno polmonare mediato dall'infiammazione.

Nello studio multicentrico, in doppio cieco, controllato con placebo ICAR condotto in 43 Centri in Francia, sono stati assegnati in modo casuale pazienti sottoposti a ventilazione meccanica invasiva per un massimo di 72 ore con COVID-19 confermato mediante PCR e sindrome ARDS associata da moderata a grave a ricevere immunoglobuline per via endovenosa 2 g/kg in 4 giorni o placebo.

L'assegnazione casuale è stata stratificata in base al Centro partecipante e alla durata della ventilazione meccanica invasiva prima dell'inclusione nello studio ( inferiore a 12 ore, 12-24 ore e superiore a 24-72 ore ), e il trattamento è stato somministrato entro le prime 96 ore di ventilazione meccanica invasiva.

Per ridurre al minimo il rischio di eventi avversi, la somministrazione di immunoglobuline per via endovenosa è stata suddivisa in 4 perfusioni di 0.5 g/kg ciascuna somministrate nell'arco di almeno 8 ore.
I pazienti nel gruppo placebo hanno ricevuto un volume equivalente di Cloruro di sodio 0.9% ( 10 ml/kg ) nello stesso periodo.

L'esito primario era il numero di giorni senza ventilazione entro il giorno 28, valutato secondo il principio dell'intention-to-treat ( ITT ).

Tra il 3 aprile e il 20 ottobre 2020, 146 pazienti ( 43 donne, 29% ) erano eleggibili per l'inclusione e sono stati assegnati in modo casuale: 69 pazienti ( 47% ) al gruppo immunoglobuline per via endovenosa e 77 ( 53% ) al gruppo placebo.

L'analisi ITT non ha mostrato differenze statistiche nel numero mediano di giorni senza ventilazione al giorno 28 tra il gruppo immunoglobuline per via endovenosa ( 0.0 ) e il gruppo placebo ( 0.0; stima della differenza 0.0; P=0.21 ).

Gli eventi avversi gravi sono stati più frequenti nel gruppo immunoglobuline per via endovenosa ( 78 eventi in 22 pazienti, 32% ) rispetto al gruppo placebo ( 47 eventi in 15 pazienti, 20%; P=0.089 ).

Nei pazienti con COVID-19 che hanno ricevuto ventilazione meccanica invasiva per sindrome da distress respiratorio acuto da moderata a grave, le immunoglobuline per via endovenosa non hanno migliorato gli esiti clinici al giorno 28 e tendevano ad essere associate a una maggiore frequenza di eventi avversi gravi, sebbene non-significativi.
L'effetto delle immunoglobuline per via endovenosa sulle prime fasi della malattia di COVID-19 dovrebbe essere valutato in studi futuri. ( Xagena2022 )

Mazeraud A et al, Lancet Respiratory Medicine; 2022; 10: 158-166

Inf2022 Med2022 Farma2022


Indietro