Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter

Incidenza, eziologia e predittori di esiti avversi tra i pazienti che si presentano al Pronto Soccorso per sincope


La sincope rimane un problema per i medici del Dipartimento di Emergenza a causa della difficoltà nel valutare il rischio di futuri eventi avversi.

L’obiettivo di una meta-analisi è stato quello di stabilire l'incidenza e l'eziologia di eventi avversi, nonché dei predittori, nei pazienti con sincope pervenuti al Pronto Soccorso.

Gli eventi avversi sono stati definiti come incidenza di morte o di ricovero e procedure interventistiche a causa di aritmie, cardiopatia ischemica o malattia valvolare.

L’analisi ha riguardato 11 studi.

L’analisi di dati aggregati ha mostrato che il 42% dei pazienti sono stati ricoverati in ospedale.

Il rischio di mortalità è stato del 4.4%; l’1.1% ha presentato un’eziologia cardiovascolare.

Un terzo dei pazienti è stato dimesso senza una diagnosi, mentre la diagnosi più frequente era sincope situazionale, ortostatica o vasavagale nel 29%.

Nel 10.4% dei pazienti è stata diagnosticata la malattia cardiaca, il tipo più frequente era rappresentato dalla bradiaritmia ( 4.8% ) e dalla tachiaritmia ( 2.6% ).

Le palpitazioni che precedono la sincope, la sincope da sforzo, una storia di insufficienza cardiaca o di cardiopatia ischemica, e l’evidenza di sanguinamento sono risultati essere i più potenti predittori di un esito non-favorevole.

In conclusione, la sincope è associata a un alto rischio di mortalità, principalmente correlata a malattie cardiovascolari. ( Xagena2011 )

D’Ascenzo F et al, Int J Cardiol 2011; Epub ahead of print


Cardio2011 Med2011



Indietro