Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Xagena Newsletter

Oscillazione ad alta frequenza nella sindrome da distress respiratorio acuto in fase iniziale


Precedenti studi che suggerivano che la ventilazione oscillatoria ad alta frequenza ha ridotto la mortalità tra adulti con sindrome da distress respiratorio acuto sono limitati dall’uso di strategie di ventilazione di confronto ormai obsolete e dimensioni piccole del campione.

In uno studio multicentrico, randomizzato e controllato, condotto in 39 Unità di terapia intensiva in 5 Paesi, gli adulti con sindrome da distress respiratorio acuto di nuova insorgenza, da moderata a grave, sono stati assegnati in maniera casuale a con reclutamento polmonare con ventilazione oscillatoria ad alta frequenza o a strategie ventilatorie di controllo con reclutamento polmonare con l’uso di bassi volumi tidali e alta pressione positiva ed espiratoria.

L’esito primario era il tasso di decesso in ospedale per qualunque causa.

Su raccomandazione del Comitato di monitoraggio dei dati, lo studio è stato interrotto dopo che 548 dei 1200 pazienti pianificati erano stati sottoposti a randomizzazione.

I due gruppi di studio erano ben appaiati al basale.

Il gruppo ventilazione oscillatoria ad alta frequenza è stato sottoposto a trattamento per una mediana di 3 giorni ( intervallo interquartile, 2-8 ); inoltre, 34 dei 273 pazienti ( 12% ) nel gruppo controllo hanno ricevuto ventilazione oscillatoria ad alta frequenza per ipossemia refrattaria.

La mortalità in ospedale è stata del 47% nel gruppo ventilazione oscillatoria ad alta frequenza, rispetto al 35% nel gruppo controllo ( rischio relativo di decesso con ventilazione oscillatoria ad alta frequenza, 1.33; P=0.005 ).

Queste osservazioni sono risultate indipendenti da anomalie basali in ossigenazione o compliance respiratoria.

Pazienti nel gruppo ventilazione oscillatoria ad alta frequenza hanno ricevuto dosi più elevate di Midazolam rispetto ai pazienti del gruppo controllo ( 199 mg al giorno [ intervallo interquartile, 100-382 ] versus 141 mg al giorno [ intervallo interquartile, 68-240 ], P inferiore a 0.001 ), e più pazienti nel gruppo ventilazione oscillatoria ad alta frequenza che nel gruppo controllo hanno ricevuto bloccanti neuromuscolari ( 83% vs 68%, P inferiore a 0.001 ).

Inoltre, più pazienti nel gruppo ventilazione oscillatoria ad alta frequenza hanno ricevuto farmaci vasoattivi ( 91% vs. 84%, P=0.01 ) e li hanno ricevuti per un periodo più lungo rispetto ai pazienti del gruppo controllo ( 5 giorni vs 3 giorni, P=0.01 ).

In conclusioni, negli adulti con sindrome da distress respiratorio acuto da moderata a grave, l’applicazione precoce di ventilazione oscillatoria ad alta frequenza, rispetto a bassi volumi tidali e alta pressione positiva, non riduce e potrebbe aumentare la mortalità in ospedale. ( Xagena2013 )

Ferguson ND et al, N Engl J Med 2013; 368: 795-805

Pneumo2013 Med2013



Indietro