Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Ossigenazione extracorporea a membrana per la sindrome da distress respiratorio acuto grave associata a COVID-19


I pazienti con COVID-19 che sviluppano una sindrome da distress respiratorio acuto grave ( ARDS ) possono presentare sintomi che evolvono rapidamente in ipossiemia profonda e morte.
L'efficacia dell'ossigenazione extracorporea a membrana ( ECMO ) per i pazienti con sindrome ARDS grave nel contesto di COVID-19 non è ben definita.
Sono state stabilite le caratteristiche cliniche e gli esiti dei pazienti con insufficienza respiratoria e COVID-19 trattati con ossigenazione ECMO.

È stato condotto uno studio di coorte retrospettivo nella rete ospedaliera universitaria Parigi-Sorbona, comprendente cinque Unità di terapia intensiva ( ICU ) che ha incluso pazienti che avevano ricevuto ossigenazione ECMO per sindrome ARDS associata a COVID-19.

Sono stati raccolti dati demografici dei pazienti, dati giornalieri pre-ECMO e durante ECMO e gli esiti.
I possibili esiti nel tempo sono stati classificati in quattro diversi stati ( stati 1-4 ): in trattamento con ossigenazione ECMO, in terapia intensiva e senza più ossigenazione ECMO, in vita e fuori dalla terapia intensiva o morte.

Le probabilità giornaliere di occupazione in ogni stato e di transizioni tra questi stati fino al giorno 90 di insorgenza post-ECMO sono state stimate utilizzando un modello di Cox stratificando per ogni possibile transizione.
Il follow-up è stato censurato il 10 luglio 2020.

Dall'8 marzo al 2 maggio 2020, 492 pazienti con COVID-19 sono stati trattati nelle Unità di terapia intensiva.
Il follow-up completo al giorno 60 era disponibile per 83 pazienti ( età mediana 49 anni e 61 uomini, 73% ) che hanno ricevuto ossigenazione ECMO.

Prima della ossigenazione ECMO, 78 pazienti ( 94% ) erano stati messi in posizione prona; la loro driving pressure mediana era di 18 cm H2O e il rapporto PaO2 / FiO2 era di 60 mm Hg.

A 60 giorni dall'inizio della ossigenazione ECMO, le probabilità di occupazione stimate in ciascuno stato erano del 6% per lo stato 1, del 18% per lo stato 2, del 45% per lo stato 3 e del 31% per lo stato 4.

In tutto 35 pazienti ( 42% ) hanno avuto sanguinamento maggiore e 4 ( 5% ) hanno avuto un ictus emorragico.
30 pazienti sono deceduti.

La sopravvivenza stimata a 60 giorni dei pazienti salvati con ossigenazione ECMO con COVID-19 è stata simile a quella degli studi pubblicati negli ultimi 2 anni sulla ossigenazione ECMO per sindrome ARDS grave.
Se si verificasse un altro focolaio di COVID-19, la ossigenazione ECMO dovrebbe essere presa in considerazione per i pazienti che sviluppano insufficienza respiratoria refrattaria nonostante la cura ottimizzata. ( Xagena2020 )

Schmidt M et al, Lancet Respiratory Medicine 2020; 8: 1121-1131

Inf2020 Pneumo2020



Indietro