Ibuprofene
Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa

Ossigenazione extracorporea a membrana veno-arteriosa per il salvataggio dello shock cardiogeno indotto dalla sepsi


I pazienti con cardiomiopatia indotta da sepsi con shock cardiogeno hanno una mortalità elevata.
Uno studio ha valutato il supporto dell'ossigenazione extracorporea a membrana veno-arteriosa ( VA-ECMO ) per lo shock cardiogeno indotto da sepsi refrattario ai trattamenti convenzionali.

In uno studio di coorte internazionale, multicentrico, retrospettivo, sono stati confrontati i risultati di 82 pazienti di età a partire da 18 anni con shock settico che hanno ricevuto VA-ECMO in 5 centri ECMO accademici, con 130 controlli che non hanno ricevuto ECMO, ottenuti da tre grandi database di shock settico.

Tutti i pazienti avevano una grave disfunzione miocardica ( indice cardiaco 3 l/min per m2 o meno o frazione di eiezione ventricolare sinistra [ FEVS ] del 35% o meno ) e grave compromissione emodinamica ( punteggio inotropo almeno di 75 mcg/kg per minuto ed acidemia lattica ad almeno 4 mmol/l ) al momento dell'inclusione.

L'endpoint primario era la sopravvivenza a 90 giorni.

Al basale, i pazienti trattati con VA-ECMO presentavano più grave disfunzione miocardica ( indice cardiaco medio 1.5 l/min per m2 vs 2.2 l/min per m2, FEVS 17% vs 27% ), più grave compromissione emodinamica ( punteggio inotropo 279 mcg/kg al minuto vs 145 mcg/kg al minuto, lattatemia 8.9 mmol/l vs 6.5 mmol/l ) e più grave insufficienza d'organo ( punteggio Sequential Organ Failure Assessment 17 vs 13 ) rispetto ai controlli, con P minore di 0.0001 per ogni confronto.

La sopravvivenza a 90 giorni per i pazienti trattati con VA-ECMO è risultata significativamente più alta rispetto ai controlli ( 60% vs 25%, risk ratio [ RR ] per mortalità 0.54; P minore di 0.0001 ).

Dopo la ponderazione per punteggio di propensione, ECMO è rimasta associata a una migliore sopravvivenza ( 51% vs 14%, RR aggiustato per mortalità 0.57, P=0.0029 ).
Anche la clearance del lattato e della catecolamina è risultata significativamente aumentata nei pazienti trattati con ECMO.

Tra i 49 sopravvissuti trattati con ECMO, 32 che erano stati trattati presso il Centro più grande hanno riportato una qualità di vita correlata alla salute soddisfacente valutata mediante Short Form-36 al follow-up a 1 anno.

I pazienti con grave shock cardiogeno indotto da sepsi trattati con VA-ECMO hanno avuto un ampio e significativo miglioramento della sopravvivenza rispetto ai controlli che non ricevevano ECMO.
Tuttavia, nonostante l'attenta analisi ponderata per la propensione, non si possono escludere fattori di confondimento non-misurati. ( Xagena2020 )

Bréchot N et al, Lancet 2020; 396: 545-552

Med2020 Cardio2020



Indietro