Alliance Cicatrici
Vertigini
Forum Infettivologico
Alliance Dermatite

Sedazione precoce con Dexmedetomidina nei pazienti critici


La Dexmedetomidina ( Dexdor ) produce sedazione mantenendo un grado di eccitabilità e può ridurre la durata della ventilazione meccanica e del delirio tra i pazienti nell'Unità di Terapia intensiva ( ICU ).
L'uso della Dexmedetomidina come sedativo unico o primario nei pazienti sottoposti a ventilazione meccanica non è stato ampiamente studiato.

In uno studio randomizzato in aperto sono stati arruolati adulti in condizioni critiche che erano stati sottoposti a ventilazione per meno di 12 ore in terapia intensiva e che ci si aspettava che continuassero a ricevere supporto ventilatorio per più tempo del giorno successivo a ricevere la Dexmedetomidina come sedativo unico o primario o a ricevere le cure abituali ( Propofol, Midazolam o altri sedativi ).

L'intervallo target dei punteggi di sedazione alla scala RASS ( Richmond Agitation and Sedation Scale ) ( da -5, non-responder, a +4, combative ) andava da -2 a +1 (l eggermente sedato fino a irrequieto ).

L'esito primario era il tasso di mortalità per qualsiasi causa a 90 giorni.

Sono stati arruolati 4.000 pazienti a un intervallo mediano di 4.6 ore tra ammissibilità e randomizzazione.

In una analisi modificata per intention-to-treat che ha coinvolto 3.904 pazienti, l'evento di esito primario si è verificato in 566 pazienti su 1.948 ( 29.1%) nel gruppo Dexmedetomidina e in 569 su 1.956 ( 29.1% ) nel gruppo di cure abituali ( differenza di rischio aggiustata, 0.0 punti percentuali ).

Una scoperta accessoria è stata che per raggiungere il livello di sedazione prescritto, i pazienti nel gruppo Dexmedetomidina hanno ricevuto Propofol supplementare ( 64% dei pazienti ), Midazolam ( 3% ) o entrambi ( 7% ) durante i primi 2 giorni dopo la randomizzazione; nel gruppo di cura abituale, questi farmaci sono stati somministrati come sedativi primari rispettivamente nel 60%, 12% e 20% dei pazienti.
La bradicardia e l'ipotensione erano più comuni nel gruppo Dexmedetomidina.

Tra i pazienti sottoposti a ventilazione meccanica in terapia intensiva, quelli che hanno ricevuto la Dexmedetomidina precoce per sedazione hanno presentato un tasso di mortalità a 90 giorni simile a quello del gruppo di cura abituale e hanno richiesto sedativi supplementari per raggiungere il livello di sedazione prescritto.
Sono stati segnalati più eventi avversi nel gruppo Dexmedetomidina rispetto al gruppo di cure abituali. ( Xagena2019 )

Shehabi Y et al, N Engl J Med 2019; 380: 2506-2517

Neuro2019 Med2019 Farma2019


Indietro