Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Sopravvivenza a lungo termine dopo un arresto cardiaco extraospedaliero


I dati sulla sopravvivenza a lungo termine oltre i 12 mesi dopo l'arresto cardiaco extraospedaliero ( OHCA ) per una presunta causa cardiaca sono scarsi.

È stata studiata la sopravvivenza a lungo termine dei pazienti adulti dopo essere sopravvissuti alla degenza ospedaliera iniziale per un arresto cardiaco extraospedaliero con una ricerca sistematica di studi clinici che riportavano la sopravvivenza a lungo termine dopo arresto cardiaco extraospedaliero fino a marzo 2021.

L'esito primario era la sopravvivenza a lungo termine ( più di 12 mesi ) dopo arresto cardiaco extraospedaliero per i pazienti sopravvissuti alla dimissione dall'ospedale o 30 giorni dopo arresto cardiaco extraospedaliero.

La ricerca ha identificato 21 studi con 11.800 pazienti inclusi nella meta-analisi basata su Kaplan-Meier e 33 studi con 16.933 pazienti inclusi in una meta-analisi di dati aggregati.

Nell'analisi basata su Kaplan-Meier, il tempo di sopravvivenza mediano per i pazienti sopravvissuti alla dimissione ospedaliera è stato di 5.0 anni.
I tassi di sopravvivenza stimati sono stati 82.8% a 3 anni, 77.0% a 5 anni, 63.9% a 10 anni e 57.5% a 15 anni.

Rispetto ai pazienti con un ritmo iniziale non-defibrillabile, i pazienti con un ritmo defibrillabile hanno avuto un minore rischio di mortalità a lungo termine ( hazard ratio, HR=0.30; P minore di 0.001 ).
Diverse analisi, inclusa una meta-analisi dei dati aggregati, hanno confermato questi risultati.

In questa revisione sistematica e meta-analisi, la sopravvivenza a lungo termine dopo 10 anni nei pazienti sopravvissuti alla degenza iniziale in ospedale dopo arresto cardiaco extraospedaliero è stata compresa tra il 62% e il 64%.
Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere e migliorare la sopravvivenza a lungo termine in questa popolazione di pazienti vulnerabili. ( Xagena2022 )

Amacher SA et al, JAMA Cardiol 2022; 7: 633-643

Cardio2022 Med2022



Indietro