Vertigini
Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Xagena Newsletter

Tracheotomia percutanea precoce versus intubazione prolungata di pazienti ventilati meccanicamente dopo chirurgia cardiaca


La tesi secondo cui la tracheotomia percutanea precoce in pazienti che richiedono ventilazione meccanica prolungata può abbreviare la durata della ventilazione meccanica e diminuire la mortalità rimane controversa.

È stato compiuto uno studio prospettico, randomizzato, controllato, in unico Centro di sperimentazione, per confrontare gli esiti di pazienti gravemente malati che necessitano di ventilazione meccanica prolungata assegnati in modo casuale a tracheotomia percutanea precoce o intubazione prolungata.

Un totale di 216 adulti che necessitavano di ventilazione meccanica per 4 o più giorni dopo l'intervento cardiaco sono stati sottoposti a tracheotomia percutanea precoce o intubazione prolungata con tracheotomia 15 giorni dopo la randomizzazione.

L'endpoint primario era il numero di giorni senza ventilatore meccanico durante i primi 60 giorni dopo la randomizzazione.
Gli endpoint secondari includevano i tassi di mortalità a 28, 60 o 90 giorni; la durata della ventilazione meccanica, del soggiorno in UTI ( Unità di Terapia Intensiva ) e dell’ospedalizzazione; l’uso di sedativi, analgesici e neurolettici; il tasso di polmonite associata a ventilazione; rimozione dell’intubazione non-programmata; comodità e facilità di cura; qualità di vita correlata alla salute a lungo termine e valutazioni psicosociali.

Non è stata osservata alcuna differenza nei giorni senza ventilatore durante i primi 60 giorni dopo la randomizzazione tra il gruppo tracheotomia percutanea precoce e il gruppo intubazione prolungata ( in media, 30.4 giorni vs 28.3 giorni, rispettivamente; differenza assoluta, 2.1 giorni ) né nei tassi di mortalità a 28, 60, o 90 giorni ( 16% vs 21%, 26% vs 28% e 30% vs 30%, rispettivamente ).

La durata della ventilazione meccanica e del ricovero in ospedale, così come la frequenza di polmonite associata a ventilazione e di altre gravi infezioni, erano simili.

Tuttavia, la tracheotomia percutanea precoce all'inizio è stata associata con una minore sedazione per via endovenosa; minore tempo di sedazione pesante; minore uso di Aloperidolo per agitazione, delirio, o entrambi; meno rimozioni dell’intubazione non-programmate; migliore comodità e facilità di cura; e precoce ripresa della nutrizione per via orale.

Dopo un follow-up medio di 873 giorni, le valutazioni psicosociali e di qualità di vita correlata alla salute tra i gruppi di sopravvivenza, sono risultate simili.

In conclusione, la tracheotomia precoce non ha fornito alcun beneficio in termini di ventilazione meccanica e durata della degenza ospedaliera, tassi di mortalità o di complicazioni infettive e qualità di vita correlata alla salute a lungo termine per i pazienti che richiedono ventilazione meccanica prolungata dopo chirurgia cardiaca.
Tuttavia, la procedura, ben tollerata, è stata associata a minore sedazione, maggiore comfort e più rapida ripresa di autonomia. ( Xagena2011 )

Trouillet JL et al, Ann Intern Med 2011; 154: 373-383


Cardio2011 Chiru2011 Med2011



Indietro