Alliance Cicatrici
Forum Infettivologico
Vertigini
Xagena Newsletter

Utilizzo pre-opedaliero di Epinefrina e sopravvivenza nei pazienti con arresto cardiaco al di fuori dell’ospedale


L’Epinefrina è ampiamente utilizzata nella rianimazione cardiopolmonare per l’arresto cardiaco al di fuori dell’ospedale, ma l’efficacia dell’uso del farmaco prima dell’arrivo in ospedale non è stata stabilita.

È stato condotto uno studio per valutare l’associazione tra uso di Epinefrina prima dell’arrivo in ospedale e la mortalità a breve e a lungo termine in pazienti con arresto cardiaco.

È stata condotta una analisi di propensione prospettica, non-randomizzata e osservazionale sui dati relativi a 417.188 casi di arresto cardiaco al di fuori dell’ospedale verificatisi nel periodo 2005-2008 in Giappone, e nei quali i pazienti di età uguale o superiore a 18 anni hanno subito un arresto cardiaco prima dell’arrivo del personale del servizio medico di emergenza, sono stati trattati da loro e sono stati trasportati all’ospedale.

Le principali misure di esito erano il ritorno alla circolazione spontanea prima dell’arrivo in ospedale, la sopravvivenza a 1 mese dopo l’arresto cardiaco, la sopravvivenza con performance cerebrale buona o moderata ( Categoria di Performance Cerebrale [ CPC ] 1 o 2 ) e la sopravvivenza disabilità neurologica nulla, lieve o moderata ( Categoria di Performance Generale 1 o 2 ).

Il ritorno alla circolazione spontanea prima dell’arrivo in ospedale è stato osservato in 2,786 dei 15.030 pazienti ( 18.5% ) nel gruppo Epinefrina e in 23.042 dei 402.158 pazienti ( 5.7% ) di quello senza Epinefrina ( P inferiore a 0.001 ).
Nel modello di propensity-matching è stato osservato, rispettivamente, in 2446 ( 18.3% ) e 1400 ( 10.5% ) dei 13.401 pazienti ( P inferiore a 0.001).

Nel campione totale, i numeri di pazienti con sopravvivenza a 1 mese e sopravvivenza con Categoria di Performance Cerebrale 1 o 2 e Categoria di Performance Generale 1 o 2, rispettivamente, sono stati 805 ( 5.4% ), 205 ( 1.4% ) e 211 ( 1.4% ) con Epinefrina e 18.906 ( 4.7% ), 8.903 ( 2.2% ) e 8.831 ( 2.2% ) senza Epinefrina ( tutti i P inferiori a 0.001 ).

I numeri corrispondenti nei pazienti propensity-matched sono stati 687 ( 5.1% ), 173 ( 1.3% ) e 178 ( 1.3% ) con Epinefrina e 944 ( 7.0% ), 413 ( 3.1% ) e 410 ( 3.1% ) senza Epinefrina ( tutti i P inferiori a 0.001 ).

In tutti i pazienti, è stata osservata una associazione positiva tra uso di Epinefrina pre-ospedaliera e ritorno alla circolazione spontanea prima dell’arrivo in ospedale ( odds ratio [ OR ] aggiustato, 2.36; P inferiore a 0.001 ).

Anche nei pazienti propensity-matched, è stata osservata una associazione positiva ( OR aggiustato, 2.51; P inferiore a 0.001 ).

Di contro, nel gruppo di tutti i pazienti, sono state osservate associazioni negative tra Epinefrina pre-ospedaliera e misure di esito a lungo termine ( OR aggiustati: sopravvivenza a 1 mese, 0.46; Categoria di Performance Cerebrale 1-2, 0.31 e Categoria di Performance Generale 1-2, 0.32; tutti i P inferiore a 0.001 ).

In modo simile, associazioni negative sono state osservate tra i pazienti propensity-matched ( OR aggiustati: sopravvivenza a 1 -mese, 0.54; Categoria di Performance Cerebrale 1-2, 0.21 e Categoria di Performance Generale 1-2, 0.23; tutti i P inferiori a 0.001 ).

In conclusione, tra i pazienti con arresto cardiaco extra-ospedaliero in Giappone, l’uso pre-ospedaliero di Epinefrina è risultato significativamente associato a un aumento della possibilità di ritorno alla circolazione spontanea prima dell’arrivo in ospedale, ma a una diminuzione della possibilità di sopravvivenza e di buoni esiti funzionali 1 mese dopo l’evento. ( Xagena2012 )

Hagihara A et al, JAMA 2012; 307: 1161-1168

Cardio2012 Farma2012


Indietro